Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Cronaca : Chiusa per lavori fino al 31 dicembre la scuola media Vivenza

vivenza16t_200Avezzano. La scuola media Vivenza resterà chiusa per metà fino alla fine dell'anno. Dopo i controlli effettuati dai tecnici del comune in 23 edifici della città, sono stati finanziati lavori per 376 mila euro presi, come ha precisato il sindaco Antonio Floris nella conferenza stampa tenutasi ieri mattina, dal fondo del bilancio. I ragazzi della Vivenza verranno trasferiti in altri istituti della città e, in parte, saranno costretti a fare i doppi turni di lezione.



Quando si tratta di edilizia scolastica la prudenza non è mai troppa. Per questo gli amministratori di Avezzano hanno condotto una campagna di controllo sugli edifici di loro competenza, scuole per l'infanzia, primarie e medie, e hanno avviatouna serie di interventi sugli edifici che non erano in regola con le attuali normative sulla sicurezza. La scuola media Vivenza è una di questa. Il sindaco Flori ha già comunicato al dirigente scolastico Abramo Frigioni che la scuola dovrà rimanere chiusa fino al 31 dicembre. Gli alunni, 142 in tutto, saranno trasferiti nell'edificio scolastico di via Pereto e in aule recuperate togliendo momentaneamente laboratori, aula riunioni e biblioteca. Per non creare ulteriori disagi alle famiglie il comune metterà a disposizione fin dal primo giorno di scuola, che dovrebbe essere il 21 settembre, degli autobus per i collegamenti. Malgrado gli inevitabili disagi. Tutto si dovrebbe risolvere entro il primo ottobre per la scuola Collodi di via Garibaldi. Nell'edificio, per motivi ancora non del tutto chiari, è stato abbattutto il secondo piano dove c'erano tre classi. Gli alunni di questa scuola probabilmente verranno trasferiti, almeno per queste prime settimane dell'anno scolastico, in un altro istituto. Il sindaco Floris, nella conferenza di ieri mattina, ha esposto l'attuale situazione e ha invitato la provincia, responsabile degli istituti superiori della città, a compiere i dovuti accertamenti. La modalità adottate dal comune per i controlli sugli istituti sono state presentate dall'ingegner Palumbo che ha spiegato: «Il percorso si sviluppa in due tipi di analisi. Le nuove norme entrate in vigore a luglio impongono una verifica e un adeguamento molto severo da fare nel giro di cinque anni. Nel frattempo gli edifici devono anche essere in regola con la normativa precedente. Nelle scuole sono stati ristrutturati o eliminati anche elementi accessori».

 

 

Territorio

 
Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane )
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright