Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - DIALETTO E PROVERBI - Sante 'Middie... Je Tarramute !"

Sante 'Middie... Je Tarramute !"
Giovambattista Pitoni  maggiori info autore
PRESENTAZIONE
di
Vittoriano Esposito.
 

Con questo suo secondo lavoro, Giovanbattista Pitoni prosegue con gran profitto il cammino intrapreso brillantemente con Je furne de Zefferine, confermando d'avere gli strumenti necessari - sia sul versante culturale che su quello propriamente inventivo - per approfondire ed affinare la sua vocazione di scrittore per il teatro. L'opera si compone di due atti, tra sé nettamente distinti, con al centro l'evento catastrofico del terremoto evocato nel titolo: l'atto primo ripropone il forno di Zefferino, con l'intreccio di fatti e figure che caratterizzano la microstoria di una comunità alle prese con i problemi del vivere quotidiano; l'atto secondo si svolge qualche tempo dopo la tragedia, tra le rovine di Piazza San Bartolomeo, con i pochi superstiti che si muovono spauriti ed angosciati nella città distrutta.

Si comprende perché, dunque, l'autore la definisca, nel sottotitolo, una tragicommedia. Com'è noto, nella storia del teatro drammatico, si dice tragicommedia un tipo di rappresentazione, affermatosi in età rinascimentale, misto di tragico e di comico, ma con netta prevalenza delle peculiarità proprie della commedia, suggellate dal cosiddetto lieto fine. Avendo Pitoni invertito l'ordine dei rapporti fissato dalla tradizione moderna (qui si passa dal comico al tragico), l'opera si potrebbe forse ricondurre più giustamente a qualche raro modello di hilarotragoedia della tradizione classica. Ma va da sé che queste sono sottigliezze teoriche, che riguardano le vecchie distinzioni dei generi letterari e le regole della retorica antica, sulle quali già i Romantici dimostrarono, nel secolo scorso, che sarebbe stato inutile attardarsi a disquisire ulteriormente.

Quello che conta davvero, infatti, al di là delle pur possibili definizioni formali, è l'esito sul piano creativo. E qui Giovanbattista Pitoni dimostra di sapere perfettamente quello che vuole e cioè: offrire uno spaccato sociale dell'Avezzano pre-terremoto, ma nel contempo indurre le generazioni presenti e future a riflettere sul costo umano del flagello naturale del 13 gennaio del 1915 e sull'incalcolabile spirito di sacrificio che ebbero i nostri padri per avviare la rinascita dell'Avezzano moderna. E' ovvio che un'opera come questa non sarebbe concepibile senza un'adeguata documentazione di carattere storico-sociale e senza le più opportune conoscenze delle tradizioni popolari.

Ebbene, a noi sembra che Pitoni disponga con estrema sicurezza di queste due condizioni, come dimostra l'ampio corredo di note che si trova in appendice. Ma, trattandosi di un'opera in dialetto, l'impegno esigeva non solo la competenza tecnica della scrittura, ma anche la capacità di recuperare forme e moduli espressivi ormai in disuso. E a tal riguardo Giovanbattista Pitoni si è caricato d'un dovere gravoso, che egli ha portato a compimento con grande rigore. Il risultato conclusivo, a nostro giudizio, è degno del più vivo apprezzamento, non tanto per il ricco glossario che ogni lettore potrà utilmente consultare, quanto per la freschezza e la genuina saporosità della parola che, restituita fedelmente alla sua pronuncia, ha il potere di ridar vita alle vicende rappresentate non meno che credibilità agli uomini che ebbero la sorte di viverle.
 

P R E M E S S A

Sulla Piazza San Bartolomeo ed all'interno della farmacia di Don Fedele De Bernardinis e del forno di Zefferino - luoghi strategici dell'antica Avezzano - continuava l'intreccio, a volte inestricabile, di fatti e personaggi tipici della città: il pigolio tamburellante di Natojia, i lamenti di Frammacona, Filuccia e Barberuccia, le strane filosofie del cacciatore Aspreno, le ostentazioni del neo sindaco Bartolomeo Giffi, il malcelato anticlericalismo del sagrestano Franceschino La Cornacchietta, l'incessante balbuzie del nullafacente Saccaddosse, Zefferino con la sua provvidenziale febbriciattola ed il povero Pietro, perennemente alle prese... con la diplomazia, la delicatezza e la riservatezza della moglie Giacinta Ziriona! Nell'Avezzano pre-terremoto, insomma, la vita scorreva con i ritmi di sempre: nessuno poteva presagire la immane tragedia che inesorabilmente si sarebbe abbattuta sulla città...
 
Sei in: - DIALETTO E PROVERBI - Sante 'Middie... Je Tarramute !"

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright