Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - DIALETTO E PROVERBI - La Bocaletta

La Bocaletta
Giovanbattista Pitoni  maggiori info autore

 

Un’antologia della letteratura dialettale avezzanese.....“...i vecchi avezzanesi silenziosamente se ne vanno e con loro scompare quel poco di genuino, di autentico, rimasto nella tradizione e nel folklore della nostra città(...) la vecchia Avezzano, quella di Carrafone, di Crillitte, di Cachine, di Fumone, del Mute Coccione, di ‘Nfanfaramea, del Pinghe e di Scaccone è quasi scomparsa”......
  


'NTUNIETTA

'Ntunietta, chi te parla é Giuvannine, arrecchia poche a quele che te dice: de tanta brace, tutte é mó cenice, é tante fridde aventre ajie cammine!

'Ne ciocche ce mettette de 'ne pire e ce fionnette mmese 'na fiammella; da principie se fice tutte nire, e ppò ardette che 'na fiamma bella!

E' sfiammàte leste, che t'ajia dì? Gnente é remaste, tutte é mó finite! Ajie capefoche m'appoggie e penze a tì:

je tempe passa e ì sò 'ncanutíte! 'Ntunietta, je cammine é je core tì e ì sò 'ne porome 'nfreddulite!
 

EATE AJIE CAFONE!
  
 
Caetane, Rocche, Middie, Giuvannine? S'arrizza sempre de mmatina cette, se 'nfonne, se remagna quattre fette de presutte arrancichite e ch'je traine,

s'avvia abballe, verse Calascella; ... e quanne che ssé tutte sdiummate, se fionna mmese ai súlechi ch'arate: 'na bevuta de vine alla copella,

'n'attrippata de cici e de patane! Prepara dù fascine de sormente, penzenne ajie orte da rià addimane,

e sse retorna e canta e chi je sente, capisce che pe' tutte je munne sane, noelle 'ne porome cchiù contente!

 

AUTUNNE

La jetta che Ile conche e fracicate s'é già je munne sane; pace nen trove e ste core mì é tante disperate;

de tutte quele ch'ecche dentre ì prove, la té é la colpa e manche dell'istate: autunne, je ciele s'é scurite, piove!


SO'CONTENTE!

Nen dorme da dù notte e tira vente, le scarpe se sò rotte tutte quante, s'é date foche a casa e me la cante, nen magne da tre jorni e sò contente!

Nen pozze divve cose che sò viste, da quante tempe vade pe' je munne, 'n'affare ch'é quadrate ie vete tunne, nen sacce cchiù addò ì e nen sò triste!

La gente m'é nemica e me trascura, sò sole, senza sordi e spensierate, me piace de campà, la vita é dura,

porejie sò da quande che so nate: ma nen conosce pena, né paura e sò contente, perché sò 'nnamorate!


N'ACCIDENTE CHE JI SPACCA!

'Mpiastrate pe' ji muri d'Avezzane, nzì lette quela carta ch'one messa? " Stetece bboni, dice, che le pane ce stà pe' tutti e che nen é la stessa

carastia deji'atr'anni e piane piane, ve manteneme pure la promessa, de davve 'na casetta da cristiane, anzi 'na reggia, comm'a 'na contessa!

Forze, pò esse, sarà ppò le vere?... Ci'atà crete la gente che ss'è stracca, tante p'alleggerisse je pensiere.

Ma , na preghiera addò nce stà 'na 'ntacca, prima d'addurmímme, tutte le sere, ì dice: " 'N'accidente che ji spacca! "

 

Pagina: 1/2 Pagina sucessiva\
Sei in: - DIALETTO E PROVERBI - La Bocaletta

Territorio